Rottamazione Bis Equitalia 2018: cosa c’è da sapere?

rottamazione bis equitalia 2018

Rottamazione bis 2018, cos’è?

La rottamazione bis è il proseguimento, anche nel 2018, del beneficio introdotto con l’art. 6 del DI 193/2017 che dà la possibilità ai contribuenti di scegliere la definizione agevolata dei carichi affidati ad Equitalia e notificati tra il 1° gennaio 2000 e il 31 dicembre 2016.

Già con la Sanatoria Equitalia si sono ottenuti forti sconti per i contribuenti, i quali hanno ottenuto l’azzeramento di sanzioni e interessi di mora (e hanno versato soltanto il tributo le spese di notifica e le eventuali procedure esecutive).

Con il nuovo decreto collegato alla Legge di Bilancio 2018 il Governo riprende la rottamazione cartelle: questo per trovare nuove e sicure risorse utili al bilancio. Esistono alcune differenze però, rispetto alla prima sanatoria.

Vediamo nel dettaglio come funziona la Rottamazione bis 2018.

Chi può aderire alla rottamazione bis 2018?

Alla Rottamazione bis 2018 possono aderire tutti, anche coloro che non hanno presentato domanda di adesione alla prima edizione e nello specifico:

  • Coloro che non hanno aderito alla prima Sanatoria delle cartelle notificate dal 1°gennaio 2000 al 31 dicembre 2016 possono farlo adesso, entro il 15 maggio 2018

Nel caso si scegliesse la rateizzazione dell’importo, il numero massimo delle rate sarà 5 con le seguenti scadenze:

  • luglio 2018
  • settembre 2018
  • ottobre 2018
  • novembre 2018
  • febbraio 2019

 

  • Coloro che hanno aderito alla prima Sanatoria ma non hanno saldato le rate di luglio e di settembre, possono rientrano della rottamazione bis 2018 in caso provvedessero al pagamento delle rate mancanti entro il 7 dicembre 2017

 

  • Coloro che hanno aderito alla prima Sanatoria ma ne sono stati esclusi perché non hanno saldato le rate successive, possono rientrare nella nuova rottamazione bis 2018 se salderanno le rate entro:
    • 31 marzo 2018, pagando le rate scadute in unica soluzione
    • 31 luglio 2018, pagando gli importi condonati più gli interessi di mora

Per tutti, la scadenza per aderire alla rottamazione bis 2018 è fissata al 15 maggio 2018

rottamazione bis 2018

Come funziona la Rottamazione bis 2018?

Il cittadino o l’azienda che ha ricevuto notifica tra il 1° gennaio 2000 e il 30 settembre 2017 di una o più cartelle di pagamento può accedere, presentando apposita domanda, alla nuova definizione agevolata dei carichi, in modo da ottenere la sanatoria delle sanzioni e dei suoi interessi.

 

Moduli e scadenze per la Rottamazione bis 2018

La domanda per richiedere il condono delle sanzioni deve essere redatta sul nuovo modulo dell’Agenzia delle Entrate. Si trova facilmente sul sito, ed è chiamato Modulo Rottamazione Cartelle DA 2017. L’Agenzia delle Entrate entro il 31 marzo 2018 invierà al contribuente una lettera con l’elenco dei carichi affidati entro il 30 settembre 2017 e per i quali non risulta ancora notificata la cartella relativa.

Attenzione: le cartelle che non rientrano nella Rottamazione bis 2018 sono quelle relative a:

  • risorse proprie tradizionali Ue (come dazi doganali Iva riscossa all’importazione);
  • somme dovute a titolo di recupero di aiuti di Stato;
  • crediti derivanti da pronunce di condanna della Corte dei conti;
  • multe, ammende e sanzioni dovute a seguito di provvedimenti e sentenze penali di condanna.

LEGGI ANCHE: SALDO E STRALCIO- CHE COS’È E COME FUNZIONA

Come si presenta la domanda per la Rottamazione bis 2018?

Ricordando la scadenza per tutti (15 maggio 2018), la domanda può essere inviata con diverse modalità:

  • Via PEC: indirizzare una mail alla casella PEC della Direzione Regionale dell’Agenzia delle Entrate, inviando il Modulo DA 2017, compilato in ogni sua parte e allegando copia della Carta di Identità
  • Presso gli sportelli dell’agenzia delle Entrate, consegnando a mano il Modulo DA 2017

Inviata la domanda, si riceverà entro il 30 giugno 2018 un documento contenente la lista delle cartelle che saranno oggetto di sanatoria, la scadenza delle rate e i bollettini di pagamento, oppure il diniego da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Come abbiamo specificato il pagamento sarà possibile anche in unica soluzione, purché il saldo sia fatto entro il 31 marzo 2018.

 

Stai pensando di accedere alla Rottamazione bis 2018? Vuoi essere seguito nella presentazione delle pratiche? Contattaci al Numero  Verde 800.09.02.86 oppure scrivici una mail a info@debitieimmobili.it