Servizi per Amministratori di Condominio

Servizi per Agenti Immobiliari - Debiti & Immobili

Hai già pignorato o sei intervenuto in una procedura esecutiva? Possiamo ancora permettere al condominio che rappresenti un incasso inatteso!

Indipendentemente dal numero di stabili che gestisci, probabilmente negli ultimi anni ti sei ritrovato nella spiacevole situazione di dover ricorrere, dopo lunghi tentativi di conciliazione bonaria dei pregressi, al pignoramento e alla conseguente messa in asta dell’appartamento di un tuo condomino moroso.

Nell’ipotesi migliore, purtroppo rara, l’appartamento non è gravato da alcuna ipoteca a garanzia di mutui pregressi. Ciò nonostante dovrai attendere il lungo iter dell’esproprio avviato dall’avvocato e il Condominio dovrà far fronte a sostanziose anticipazioni di spese legali e procedurali per recuperare un credito che crescerà inevitabilmente negli anni prima dell’incasso. Qualunque famiglia in difficoltà economica, infatti, che riceva la notifica dell’avvio di una Procedura di esproprio è probabile che smetta del tutto di pagare, ritenendo di non poter più far nulla per salvare la propria casa.

Nell’ipotesi peggiore, ma ben più frequente, l’immobile è gravato da un’ipoteca in favore della Banca a garanzia di un mutuo residuo che spesso è ben superiore al valore del bene stesso. In questo caso l’aritmetica darà la sgradita conferma di non poter recuperare alcuna somma dalla vendita in asta. E’ vero, la legge consente al Condominio di richiedere al nuovo proprietario la gestione dell’anno in corso e quello precedente: ma dopo quanto potrà farlo? Senz’altro oltre i due anni stessi che potrebbe incassare, pertanto del capitale originario portato in Decreto Ingiuntivo non vedrà alcunché.

Di fatto se il Condominio ha proceduto pignorando l’appartamento ha semplicemente sostenuto elevatissime spese per il legale, per la Perizia, per il Delegato alla vendita, per il Custode Giudiziario e per la pubblicità dell’asta senza che tutto ciò abbia consentito al recupero di nessuna parte del credito originariamente vantato.

Spesso, nonostante l’attività professionale coscienziosamente svolta seguendo l’iter formale dell’esproprio, molti amministratori hanno visto revocarsi l’incarico di gestione a causa dell’inevitabile scontento dei propri condomini per il lungo e costoso, quanto infruttuoso, percorso intrapreso.

Contattaci per poter valutare insieme al debitore la veloce ricerca di un acquirente sul mercato grazie al quale far subentrare altra famiglia (solvibile), e ottenere importi messi a disposizione del Condominio in via bonaria e corrisposti in tempi celeri!